Eventi

Eventi (42)

 
 
Nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, la Città metropolitana di Genova, i Comuni di Chiavari e di Lavagna e FIAB Genova e Tigullio organizzano sabato 17 ottobre 2020, una pedalata partecipata non agonistica, aperta a tutti i cittadini, con qualsiasi tipo di bicicletta, muniti di caschetto e mascherina. 

Si tratta di una manifestazione in percorso cittadino di circa 12 Km. L’obiettivo è sensibilizzare i cittadini rispetto a come migliorare la mobilità e la qualità della vita urbana e il benessere degli abitanti. 

I partecipanti saranno ricontattati dopo l’evento e le idee che emergeranno contribuiranno alla costruzione del Biciplan, per il quale hanno fatto proposte Fiab Genova e Tigullio, e dell’Agenda metropolitana per lo sviluppo sostenibile di Città metropolitana di Genova. 

ISCRIZIONI

E’ prevista una preiscrizione dei partecipanti su Eventbrite con compilazione del modulo richiesto per il rispetto delle norme COVID-19 da consegnare il giorno della pedalata partecipata sostenibile.

IL PROGRAMMA

Il ritrovo dei partecipanti è fissato alle ore 10:00 al Parco Tigullio a Lavagna, mentre il via verrà dato alle ore 10:30, per concludersi dopo circa 12 Km. percorsi nei vari quartieri cittadini,  sempre al Parco Tigullio a Lavagna.

A tutti i partecipanti viene consegnato, all’iscrizione, la pettorina con il numero e il prototipo della carta dei servizi sostenibili, che prevede premialità per comportamenti sostenibili

IL PERCORSO (vedi allegato)

 

E' ripartito martedì 15 settembre il BiciBus a Sestri Levante !

Abbiamo scritto ai Sindaci ed ai Dirigenti Scolastici del Tigullio per estendere questo ottimo modo per muioversi da casa a scuola

Giovedì, 17 September 2020 10:54

BICISTAFFETTA dei COMUNI CICLABILI

Scritto da

Parte quest'oggi la Bicistaffetta dei Comuni Ciclabili che porterà un gruppo di ciclisti Fiab Tigullio da Ventimiglia a Sestri Levante per consegnare la bandiera e l'attestato ai Comuni di Loano e Sestri Levante riconosciuti da Fiab come Comuni Ciclabili e per promuovere l'iniziativa presso altri Comuni, dal ponente ligure al tigullio

 
Il 18 agosto Danilo Ragona e Luca Paiardi, fondatori del progetto Viaggio Italia around the world, partiranno da Torino con le loro handbike per affrontare un viaggio di 25 giorni lungo tutta la penisola. 
 
 
Danilo e Luca si sono conosciuti nei corridoi dell’Unità Spinale di Torino oltre 20 anni fa, dopo un incidente, un evento drammatico che hanno scelto di vivere come un nuovo inizio che li ha portati a diventare documentaristi per il programma “Il Kilimangiaro” di Rai3. 
 
 
La scelta di ripartire dall'Italia non è casuale: Danilo e Luca andranno alla ricerca di storie e di persone che dopo i mesi difficili della pandemia stanno provando a ripartire. Proprio come hanno fatto loro, quando hanno dovuto ricominciare a vivere senza l'uso delle gambe, con una lesione midollare che ha delle ripercussioni ancora più importanti sul corpo. «La voglia di partire non è mai venuta meno, soprattutto durante i lunghissimi cinquantacinque giorni di confinamento e adesso non potevamo non riscoprire l'Italia. E lo vogliamo fare a modo nostro, percorrendo chilometro dopo chilometro le ciclovie che la attraversano, senza fretta per godere appieno delle bellezze delle nostre città, dei luoghi e delle persone. Vogliamo capire e sperimentare se l'Italia è veramente pronta a un turismo “slow”, se la bicicletta è finalmente un mezzo sicuro per muoversi e se attraversare lo stivale non è una “mission impossible”.
 
Fiab Tigullio accompagnerà Danilo e Luca nell'ultimo tratto della loro tappa di giovedì 20 agosto da Novi Ligure a Chiavari. Appuntamento a Carasco nel pomeriggio (tel 339 102 9558) 
Mercoledì, 29 July 2020 09:17

LA VIA DELLE VILLE - domenica 2 agosto h 9.00

Scritto da

Facile tour in bicicletta per scoprire le residenze di villa delle famiglie "magnifiche" che hanno abitato Sestri Levante e vi hanno impiantato le loro attività produttive

Lunedì, 27 July 2020 10:04

5 TERRE BIKENIGHT - sabato 1 agosto h 19.30

Scritto da

Ritorna 5 TERRE BIKENIGHT una fantastica pedalata al chiaro di luna da La Spezia a Sestri Levante lungo la Via alta delle Cinque Terre

Iscrizione entro MERCOLEDI 29/7 scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tutte le informazioni nella scheda allegata

 

Un percorso facile di km 30 circa (A/R). Il dislivello è di 50m circa. Utilizzabile qualunque bici.

Itinerario: si percorre la ciclovia dell’Ardesia da Lavagna fino a Carasco e si procede poi sulla strada provinciale fino a Conscenti. Sosta nel paese per visita e acquisto dei prodotti naturali che i contadini della valle vendono direttamente al pubblico: verdure e frutta, vino, olio e miele, formaggette e salumi, erbe aromatiche e uova di galline ruspanti.

Vedi SCHEDA qui sotto
 
 
Pedalata alla scoperta della tradizione marinara sestrese: dai luoghi dei pescatori di Sestri Levante ai cantieri navali.
 
Punto di ritrovo: MuSel - Corso Colombo, 50
Inizio attività: 9:30   termine: 12.30
Costo: 7,50 adulti - 5,00 bambini (fino 12 anni)
È garantita l'assicurazione ai partecipanti
Si consiglia l'utilizzo del caschetto 
 
Prenotazione obbligatoria entro le 13 del giorno precedente Tel. 0185-478530 Mail. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
 

a cura di Cristina Sala, referente FIAB Imperia (sezione di Fiab Tigullio)

 

A maggio, complice il Bonus Bici, c’è stato un boom di vendite di biciclette in Italia ma anche in Europa. Possedere una bicicletta è il primo passo verso una mobilità più sostenibile, ma da solo potrebbe non bastare.

Uno degli ostacoli alla diffusione della mobilità ciclistica, infatti è la non-sicurezza. È diffusa la paura di muoversi sulla strada soprattutto quando non si è abituati a farlo, e l’Italia deve recuperare per quanto riguarda le infrastrutture ciclabili.

Andare in bici è intrinsecamente sicuro, è una delle attività motorie/sportive con il tasso di infortuni più bassi, rispetto al numero dei praticanti.

Ma la sicurezza della bicicletta si riduce nei fatti e nella percezione, a causa del traffico stradale.

E questo vale anche per chi cammina, altra attività sicura che lo diventa meno, in aree trafficate.

È necessario quindi migliorare la sicurezza di chi si sposta in bici, ma come?

Anche se può suonare strano, è proprio l’aumentare dei ciclisti, che determina la sicurezza dei ciclisti stessi.

Perché? Il motivo è semplice.

Noi tendiamo a vedere quello che ci aspettiamo di vedere.

Se il ciclista diviene una “presenza attesa” allora i conducenti delle auto diventano più consapevoli e migliora la loro capacità di anticiparne la presenza nel traffico.

Quindi tanti ciclisti in strada, modificano l’aspettativa sociale, l’automobilista cambia prospettiva, rallenta, e il risultato è una maggiore sicurezza per tutti.

Anche la città se considera il ciclista una “presenza attesa” inizierà a modificarsi sulla base di questa presenza.

Lo dimostrano Olanda, Danimarca e Belgio, i paesi con il più alto numero di ciclisti e il più basso numero di morti.

A Copenhagen tra il 1995 e il 2006, la ciclabilità è aumentata del 44%, con il 36% di pendolari che usano la bicicletta, e gli incidenti (gravi e mortali) sono diminuiti del 60%.

L’aumento delle biciclette ha aumentato in generale la sicurezza stradale.

In Olanda la spinta a realizzare infrastrutture per la mobilità ciclabile arrivò proprio a seguito del boom dell’espansione dell’automobile.

Nel 1971 morirono 700 bambini in incidenti stradali e nacque un movimento chiamato “Basta alla morte dei figli”.

Questo movimento esercitò una tale pressione sul governo da imporre da quel momento grandi investimenti sulle piste ciclabili, che hanno fatto dell’Olanda il paradiso dei ciclisti e ridotto drasticamente gli incidenti mortali.

La mobilità è un diritto, renderla efficiente e sicura è un dovere.


La formula ce l’abbiamo: più ciclisti uguale più sicurezza. Semplice… come andare in bicicletta

Lunedì, 25 May 2020 07:13

BONUS BICI: tutto quello che c'è da sapere

Scritto da

Cerchiamo di rispondere alle numerose domande di chi è interessato ad utilizzare il BONUS BICI previsto dal DL Rilancio del Governo.

Come FIAB Tigullio ci auguriamo che questo incentivo serva ad aumentare il numero delle persone che usano la bicicletta per muoversi.  

Pagina 1 di 3